<< indietro
Canzoni d'autore

Protesta

di Debora Chiari

Debora Chiari abita in provincia di Reggio Emilia, ha frequentato la scuola superiore indirizzata alle biotecnologie e ora frequenta l'Università a Parma, facoltà di Chimica.

Me ne vado alla protesta / Ad aumentare il volume

Di una folla insoddisfatta / Un po’ come son io – ma perché?

C’è baccano, vengo spinto / Sento sirene, corrono via

Scoppiano petardi e / Urla…

 

Mi presento / Ad amici dei miei amici

Carichi mi dicono / “Vieni a far casino!”

Sono figo ad esser qui / E non in classe a consumare

Fogli bianchi e inchiostro / In inutili noie…

 

Eppure c’ho un / Peso mica banale

E se mi prendono? / Come mi giustifico?

Come scappo? / Chi mi aiuta?

Che amici scomodi / Che hanno i miei amici

 

Mi presento / Ad amici dei miei amici

Urla! Protesta! / “Vieni a far casino!”

Non evito/ L’interrogazione

“Perché sei sceso in piazza?” / “Cosa vuoi cambiare?”

 

 - / Perdo il mio amico

- / Dai fatti ritrovare

 

Che ho l’ansia / Un’inqueta voglia

Voglia di non essere / Mai venuto…

 

Mi aspettavo uno sciopero / Discussioni e confronti

Su cosa non va / -

E cori unanimi / Di voci arrabbiate

Pensavo mi dicessero / Contro cosa protestare

 

Mi aspettavo di la- / -mentarmi che tutto

Tutto è una merda / Ispirato dai sogni

Dai sogni degli altri / E invece sono qua

Qua che faccio il vandalo / Senza un motivo

 

Era meglio là in classe / Avrei scritto sopra’l banco

Le stesse cazzate / Che scrivo sopra ai vetri

Mentre qua grida ed ansia / Mi tolgono il respiro

Là risate e le calme / Parole del prof

 

Che amici scomodi / che hanno i miei amici

Carichi dicevano/ “Vieni a far casino!”

Che amici scomodi / che hanno i miei amici

Carichi dicevano/ “Vieni a far casino!”

 

 - / -

 - / -

Dove sono i cori unanimi / Di voci arrabbiate?

Pensavo mi dicessero / Contro cosa protestare