<< indietro
Canzoni d'autore

Postapocalittica

di Edoardo Simonato

Mi hanno chiamato Edoardo, il cognome è Simonato, e son nato a Dolo (VE), città sul Brenta, nel primo lustro degli anni ‘90. Mio padre è uno che ha sempre lavorato in vita sua, mia madre è catechista: io per non fare torti non ho preso da nessuno dei due... Credo nel caso e m’arrangio a vivere come un artista! Ma non come un poeta maledetto: io amo la gente, amo il modo diverso che ha ognuno di abitare l’universo, e cerco di cantarlo con rispetto, assecondando sempre con fedeltà e stupore il ritmo della vita, il battere e il levare. Oltre a scrivere, faccio l’istruttore di minibasket nel paese dove abito (Cazzago di Pianiga, in provincia di Venezia). Mi sono laureato a Padova in Filologia Moderna. Sogno di diventare insegnante nelle scuole superiori.

strofa

Parlare d’amore non serve più

prego Gesù

che mi salvi dai lavori precari

dalle guerre stellari

mi nasconderò - dal servizio di leva

mi riparerò - dove nessuno mi veda

a convincermi che non è colpa mia

 

bridge

per nemici alle porte, e le barricate nei centri

commerciali, una battaglia navale,

io voglio disertare dalla vita reale

stanotte… stanotte…

 

rit

al fronte

stanotte

se mi cercherete non ci sarò

alle tre

di notte

sparirò

 

al fronte

stanotte

non accetto ordini né ne darò

alle tre

di notte

sparirò

 

La guerra è arrivata anche a casa mia

oh mamma mia

tu che gridi contro il telegiornale

mentre fai da mangiare

con il panico - che non basti la cena

 

Ho l’ansia che sale la funivia

vertigini

montagne di crediti con la vita

montagne di debiti verso te

non preleverò - alla banca del seme

per fare anche un figlio che non vorrò

 

bridge

per nemici alle porte, e le barricate nel centro

commerciale, una battaglia navale,

io voglio disertare dalla vita reale

stanotte… stanotte…

 

rit

al fronte

stanotte

se mi cercherete non ci sarò

alle tre

di notte

sparirò

 

al fronte

stanotte

non accetto ordini né ne darò

alle tre

di notte

sparirò

 

out

scappare

è come disertare

è come non pagare

è un po’ come sparire

è come non sparare

per sentito dire

scappare

è come disertare

è come non pagare

è un po’ come sparire

è come non sparare

per sentito dire